Possono iscriversi tra i Seller le Imprese Sociali, Cooperative di produzione e lavoro e tutti gli operatori dell’Economia Sociale che propongono beni e servizi al mercato.

Scopri di più
 
Possono iscriversi tra i Buyer le Imprese, Istituzioni/Enti Privati, Associazioni, Federazioni e Fondazioni, interessate a servizi e prodotti offerti dal mondo dell’Economia Sociale.

Scopri di più
 
  • Home
  • Buone Pratiche
  • RUBRICA GOOD BUSINESS - Il segreto di Natura-Sì? Una coop sociale di Cuneo

Buone Pratiche

RUBRICA GOOD BUSINESS - Il segreto di Natura-Sì? Una coop sociale di Cuneo

VITA BOOKAZINE di Gennaio 2017

È una storia di qualità, innovazione e inclusione. Che a un certo punto, ma non per caso, si è incontrata in maniera feconda con il cammino di EcorNaturaSì, primo player in Italia nella distribuzione di prodotti biologici e biodinamici.

È la storia della cooperativa sociale “I Tesori della Terra”, di Cervasca (Cuneo), nata a inizio 2000 dalle aziende agricole Cascina Bianca e Panero Rosanna, pioniere dell’agricoltura biologica negli anni 80. Lo yogurt biologico a marchio Cascina Bianca, il suo principale prodotto, era già affermato quando la cooperativa venne contattata da NaturaSì per diventarne fornitore, nel 2007. «Per avviare rapporti con queste aziende, che pure apprezzano e valorizzano gli aspetti sociali — dice Silvano Brignone, responsabile commerciale e marketing della cooperativa —, il presupposto è che la dimensione sociale sia legata a una produzione di qualità eccellente».

Oggi EcorNaturaSì è il primo cliente della cooperativa, che fattura 3,5 milioni di euro l’anno (rifornisce anche Eataly) e occupa una quarantina di persone, una metà con disagi. Il rapporto si è consolidato negli anni anche grazie a progetti d’innovazione sviluppati in accordo tra le due realtà, sfociati ad esempio in nuovi prodotti: nel 2015 il lancio dello yogurt intero al pistacchio, nel 2016 lo yogurt magro susine ramassin e zenzero, proprio a novembre il burro biologico, la cui produzione ha richiesto investimenti in nuovi macchinari. Negli ultimi anni è stato anche completato l’ammodernamento dei macchinari del caseificio. E ora si sta pensando a trasformare tutte le stalle in eco-stalle, come quella sperimentale (la prima in Italia) realizzata nel 2013 con l’Università di Torino. «Per gestire i volumi realizzati con EcorNaturaSì — spiega Brignone — abbiamo imparato a lavorare in modo più strutturato, tenendo ferma qualità e artigianalità del prodotto. Non abbiamo la smania dei numeri, ma questo ci permette di dare lavoro a più persone con disagio, che quando lavorano si sentono realizzate: tutto il nostro lavoro è finalizzato a questo».

Luca Guzzabocca

http://www.righthub.it/images/media/docs/Good_Business_VITA_bookazine_gennaio2018.pdf

Good Business è la rubrica mensile curata dal fondatore e General Manager di Right Hub Luca Guzzabocca e pubblicata su VITA Bookazine.