Sostenibilità & Motorsport - Quinta parte

15 Marzo 2021 – L'inclusione e la diversità contano anche nel motorsport!

Nel 2020 grazie al movimento "Black Lives Matter" negli Stati Uniti, il tema della diversità è arrivato in prima linea nel mondo e anche nel motorsport.

Il noto pilota Lewis Hamilton, 7 volte campione di Formula 1, si è assunto la piena responsabilità di sollevare significativamente il problema all'interno dell'organizzazione di Formula 1.

Il programma "RaceAsOne" è stato lanciato così dall'inizio della stagione 2020 di Formula 1. L' "arcobaleno", simbolo dei movimenti della diversità, è apparso ovunque!

Questa è stata sicuramente l'iniziativa più visibile, ma non è l'unica.

La gestione sostenibile non significa solo preoccuparsi dell'impatto ambientale, ma anche un'ampia attenzione all'impatto sociale, al rispetto delle diversità e all’inclusione.

Pertanto, in questo sesto episodio del nostro contributo per aumentare la consapevolezza sulle iniziative di sostenibilità nel settore del motorsport, desideriamo illustrare ciò che è accaduto e si è sviluppato su questo argomento nel corso degli ultimi due decenni.

Nota: in questo episodio non è incluso il tema della "disabilità" perché verrà opportunamente trattato nel prossimo.


2004: NASCAR Diversity & Inclusion si impegna a creare un ambiente inclusivo in tutte le sfaccettature dell'industria NASCAR riconoscendo il valore della diversità che ci permette di andare sempre più veloci e progredire sia nei luoghi di lavoro sia in pista.

Il programma "Drive for Diversity" è riuscito a creare opportunità significative per giovani risorse, minoranze etniche e donne. Il programma ha visto una crescita continua sin dalla sua nascita nel 2004. I piloti Drive for Diversity competono in quasi 50 eventi sui circuiti Nascar in tutto il paese ogni anno.


2006: Creata nel 2006, la Women in Motorcycling Commission di FIM (Federazione Internazionale di Motociclismo) è impegnata nel sostegno attivo alle donne nel motociclismo. La sua missione è chiara: aumentare la partecipazione delle donne a tutte le attività e a tutti i livelli. A tal fine, la Commissione sviluppa progetti per eliminare le barriere ed esplora le opportunità di partecipazione per un maggior numero di donne di far parte del motociclismo. Stabilisce e mantiene forti relazioni con tutte le parti interessate e i partner esterni per facilitare il coinvolgimento attivo delle donne a tutti i livelli.

La visione della commissione "il talento viene prima di tutto" significa scegliere le persone non per il loro genere ma per le loro capacità e competenze. In una certa misura, ciò significa che le donne farebbero naturalmente parte del motociclismo e che non sarebbero necessari sforzi o promozioni specifiche. "Il talento viene prima di tutto" è uno slogan per sottolineare che è necessario avere più istruzione, formazione e istruzione per coltivare più talenti. Avere quindi più donne in posizioni dirigenziali, nonché volontari e funzionari è fondamentale.


2009: La Women in Motorsport Commission di FIA (Federazione Internazionale dell’Automobile) è stata creata nel 2009 al fine di:

  • Dimostrare che le donne sono riconosciute dal massimo organismo responsabile dello sport motoristico;
  • Dimostrare che il motorsport è aperto alle donne in tutti i suoi aspetti, sia come concorrenti, funzionari, team manager, ingegneri, meccanici, ecc.
  • Promuovere il ruolo delle donne nel motorsport attraverso media, eventi internazionali, partner e stakeholder;
  • Sviluppare programmi sociali ed educativi, al fine di incoraggiare una maggiore partecipazione delle donne al motorsport;
  • Rendere le giovani donne (autisti, funzionari, professionisti, clienti) consapevoli dei problemi di sicurezza stradale.

 


2015: Il progetto "Mazda Women in Motorsport", fondato in collaborazione con Keiko Ihara, pilota donna giapponese e membro esperto di spicco della FIA's Women in Motorsport Commission, ha avuto inizio nell'aprile del 2015.

Questo progetto, è stato istituito da Mazda, che ha preso a cuore l’impegno di FIA e il desiderio della JAF (Japan Automobile Federation) di aumentare la partecipazione delle donne agli sport motoristici e, in collaborazione con Keiko Ihara, rappresentante del FIA Women in Motorsports Committee in Asia, si sta cercando di promuovere un ulteriore coinvolgimento delle donne nel mondo delle corse automobilistiche. Mazda fornirà veicoli e luoghi per l'allenamento e sosterrà la partecipazione alla gara di persone di eccezionale talento. L'adesione all’iniziativa è possibile anche per coloro che non hanno alcuna esperienza motoristica o una licenza di motorsport. Non solo per i piloti, ma anche per altri ruoli nel motorsport quali ad esempio meccanici, tecnici o gestionali.


2016: "Dare To Be Different" iniziativa fondata nel 2016 da Susie Wolff e Rob Jones, l'obiettivo principale dell'organizzazione è quello di aumentare la partecipazione delle donne a tutte le forme di corse automobilistiche indipendentemente dall'età e dal background, cambiando così le opinioni delle donne nei settori sportivi in cui la figura maschile è dominante. Le attività a cui le donne possono partecipare son diverse, tra cui karting, ingegneria, fitness, nutrizione e dieta, pit-stop e cambio gomme. La missione di "Dare To Be Different" è quella di aumentare la partecipazione delle donne, non solo in pista ma in tutti gli aspetti dello sport. Nel 2019 la FIA in collaborazione con Susie Wolff e “Dare to be Different” ha deciso insieme di creare un nuovo programma denominato "Girls on Track".


2018: W Series è una serie rivoluzionaria di corse solo per donne lanciata nell'ottobre 2018. Fin dal primo giorno, l’ambizione della nuova serie è grande per scuotere il settore mettendo da parte gli stereotipi e cambiare letteralmente il volto del motorsport. Oltretutto dal 2021 la W Series correrà insieme alla F1.


2018: "Girls On Track Karting Challenge", all’interno del FIA European Young Women Programme, viene lanciato nel marzo 2018 durante il Salone di Ginevra. Durante il primo anno gli eventi di karting viene promossa la partecipazione di giovani donne tra i 13 e i 18 anni a livello nazionale all'interno di otto paesi partner ASN europei. Il progetto FIA European Young Women Programme è stato sostenuto dall'Unione europea attraverso il programma Erasmus+. L'Unione europea sostiene progetti relativi allo sport dal 2014 in vari settori, tra cui gli aspetti sociali e la parità di genere.


2020: FIA e la sua Women in Motorsport Commission hanno lanciato "FIA Girls on Track – Rising Stars" il 12 giugno 2020.  Il progetto è gestito in collaborazione con la Scuderia Ferrari e mira a identificare le migliori donne pilota di 12-16 anni provenienti da tutto il mondo e aiutarle ad avere una carriera professionale nello sport automobilistico.

Con il sostegno del FIA Innovation Fund, che sostiene nuovi progetti volti a generare un'eredità duratura per la comunità FIA globale, la Women in Motorsport Commission ha collaborato con la Scuderia Ferrari e la sua famosa Ferrari Driver Academy (FDA) per sviluppare congiuntamente un percorso forte e a lungo termine per supportare le giovani donne nel loro viaggio nello sport automobilistico. La collaborazione vede entrambe le parti impegnarsi in un programma quadriennale che ha portato due piloti potenzialmente a unirsi alla Ferrari Driver Academy per una stagione in uno dei campionati europei FIA di Formula 4.

Il programma FIA Girls on Track - Rising Stars è iniziato all'inizio del 2020 con una selezione mondiale tra le 145 ASN (autorità sportive nazionali) di FIA, che hanno nominato giovani piloti promettenti con esperienza di gara nazionale o internazionale.

Venti piloti provenienti da cinque continenti sono stati selezionati e ora saranno invitati a una selezione a cura della Winfield Racing School ,l'iconica e storica scuola di corse con sede al Circuito Paul Ricard . Da qui, 12 piloti saranno selezionati per sottoporsi a due diversi campi di allenamento in karting e Formula 4 focalizzati in ottobre e novembre. Solo quattro piloti saranno quindi selezionati per frequentare un corso di una settimana presso la Ferrari Driver Academy. La prima pilota donna ad entrare a far parte della Ferrari Driver Academy è Maya Weug. La sedicenne olandese vince la tappa finale delle "FIA Girls on Track-Rising Stars".


2020: Formula 1 lancia #WeRaceAsOne una importante iniziativa per combattere le sfide del COVID-19 e quelle della disuguaglianza sociale sull’onda del movimento “BlackLivesMatter”.


2020: Formula E lancia "Positively Charged" con l'intento di combattere il razzismo, il pregiudizio e creare pari opportunità, oltre che per commemorare le morti in tutto il mondo causate dal COVID-19. L'iniziativa Positively Charged fa parte del movimento #PurposeDriven FIA, che rappresenta l'impegno del motorsport ad avere un impatto positivo sul mondo.


2020: Mercedes AMG-Petronas Team lancia il programma "Accelerate 25" per migliorare la diversità e l'inclusione all'interno del team.


2020: Lewis Hamilton annuncia la sua partnership con la Royal Academy of Engineering per lanciare The Hamilton Commission, una iniziativa autonoma che mira a migliorare la rappresentanza delle persone di colore motorsport britannico.


Anche Right Hub è orgogliosamente impegnata ad accelerare l'adozione della diversità, in particolare nelle pratiche della catena di approvvigionamento. Con il suo know-how Right Hub può aiutare tutte le organizzazioni in Italia, anche quelle nel settore motorsport, a costruire un programma di "Supplier Diversity", proponendo di acquistare beni e servizi da cooperative sociali che includono persone fragili e svantaggiate.

Inoltre Right Hub è disponibile a dare ulteriori informazioni e formulare proposte concrete ed efficaci per una migliore gestione sostenibile di circuiti, organizzatori, promotori, team, piloti, sponsor e fornitori nel settore motorsport.
Se vuoi conoscere i nostri progetti già realizzati ed in corso nel 2021, visita il nostro sito web

RIGHT HUB | RIGHT BUSINESS | RIGHT WORLD | RIGHT MOTORSPORT

Tienti informato sulle nostre iniziative, ricevi le nostre news.

Iscriviti alla Newsletter
logo footer

Contatti

RIGHT HUB Srl
Via Evangelista Torricelli, 44
20831 Seregno (MB) - Italy
T. +39 0362 238835
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Associati a

Assolombarda
CDO

Seguici su